Moncler accelera al ribasso dopo due downgrade. Equita resta buy

Giocare in borsa - immagine articolo

Il titolo scivola in fondo al paniere del Ftse Mib dopo la bocciatura di due banche d'affari, secondo cui è tempo di una pausa. La SIM milanese invece continua a puntare su Moncler in attesa della trimestrale.

La seduta odierna prosegue in calo per Moncler che, pur avendo già recuperato dai minimi intraday segnati a 33,15 euro, si mantiene al di sotto della parità. Dopo aver chiuso con un rialzo di quasi un punto percentuale la sessione di venerdì scorso, arrivando a segnare un massimo storico nell'intraday a 34,37 euro, il titolo oggi presta il fianco ad alcune prese di profitto. Negli ultimi minuti Moncler, nell'ultima posizione tra le blue chips, viene fotografato a 33,6 euro, con un calo dell'1,29% e oltre 1,6 milioni di azioni scambiate, già al di sopra della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 1,2 milioni di pezzi.

Deutsche Bank e Mediobanca bocciano Moncler

A condizionare l'andamento odierno di Moncler contribuisce da una parte l'incertezza del mercato e dall'altra i downgrade arrivati da due banche d'affari.
Uno è quello di Deutsche Bank che oggi ha deciso di modificare la sua strategia sul titolo da "buy" a "hold", con un prezzo obiettivo alzato però da 33 a 34 euro. La banca tedesca segnala che la sua visione a livello di fondamentali resta positiva, con gli analisti pronti a scommettere su un altro trimestre di momentum solido nella domanda, convinti altresì che Moncler nei primi tre mesi di quest'anno abbia beneficiato del contributo dei nuovi negozi.

In vista dei conti che saranno diffusi il prossimo 4 maggio, anche Mediobanca Securities ha deciso di rivedere il suo giudizio sul titolo, con un cambio di rating da "outperform" a "neutral".
Gli analisti segnalano che la performance di Moncler, indicato a febbraio tra i preferiti nel settore del lusso, da allora è stata piuttosto forte, sia in termini assoluti sia rispetto al mercato.

Questo riduce lo spazio per ulteriori apprezzamenti da parte del titolo, per il quale gli analisti consigliano di prendere profitto dopo il recente rally. Mediobanca mantiene una view positiva su Moncler anche in vista dei conti del primo trimestre, pur segnalando che il gruppo è entrato in un trimestre di bassa stagionalità ed è improbabile quindi che lo stesso sia molto positivo nel suo outlook.

Equita resta bullish sul titolo in attesa dei conti e alza il target price

A continuare a scommettere con convinzione su Moncler è invece Equita SIM che oggi ha diffuso una nota nella quale ha confermato la raccomandazione "buy" sul titolo, alzando il fair value del 12% da 32 a 36 euro.
La SIM milanese si aspetta ancora un trimestre molto forte per il gruppo, prevedendo un fatturato in crescita del 15% a 317 milioni di euro.

In particolare gli analisti stimano vendite nel wholesale in rialzo dell'8%, ancora supporto da shop-in-shop e multibrand e-tailers. Una previsione coerente con il rialzo del 10% registrato nella seconda metà dello scorso anno, tenuto conto di un confronto leggermente più difficile.

Per il retail le attese di Equita SIM sono di un rialzo del 25%l con circa il 10% di effetto spazio, ricordando che Moncler aveva già anticipato nella presentazione di fine febbraio un andamento piuttosto forte per i mesi di gennaio e febbraio.

Questi trend, se confermati, supporterebbero ampiamente la visibilità sull'intero 2018, sia sul wholesale, visto in crescita del 9%, e ancor più sul retail che a perimetro costante dovrebbe mostrare un incremento del 7,5%. 


Fonte: Trend-Online.com

Condividi questo articolo: